La ricostruzione del centro storico del comune dell’Aquila e delle sue frazioni è caratterizzata da norme innovative volte allo snellimento delle procedure tecnico-amministrative ed è basata su un modello parametrico per la determinazione del contributo concedibile gestito attraverso un protocollo di progettazione.
Nel seguito sono riassunte le novità principali e le fasi sostanziali del percorso. Principali novità:

  1. Calcolo del contributo con il modello parametrico basato sul danno e sulla vulnerabilità degli edifici;
  2. Programmazione degli interventi attraverso la redazione del progetto in due parti da presentare in tempi diversi;
  3. Tempi rapidi di istruttoria;
  4. Determinazione,con criteri oggettivi, delle maggiorazioni per gli edifici vincolati, di interesse paesaggistico o di pregio;
  5. Redazione della scheda di accompagnamento al progetto;
  6. Computo unico di riparazione del danno e miglioramento sismico degli edifici, nei limiti del contributo concedibile;
  7. Sostituzione edilizia basata su criteri oggettivi.

La normativa trae spunto da precedenti esperienze adeguate alla realtà specifica dei centri storici abruzzesi ed è stata recepita nel D.P.C.M. 4 febbraio 2013 e nei Decreti n.1 e n.3 dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione di L’Aquila. Fasi sostanziali del percorso:

  1. Individuazione degli interventi, perimetrazione degli aggregati e dei progetti sulla base delle proposte di aggregato e di intervento presentate dai cittadini (DCD 3/2010);
  2. Redazione del Piano di Ricostruzione del comune dell’Aquila e delle sue frazioni;
  3. Redazione del progetto parte prima;
  4. Verifica e controllo del progetto parte prima e riconoscimento del contributo concedibile, anticipazione del 2% del contributo per le spese tecniche e per le indagini sulle strutture e sui terreni di fondazione;
  5. Definizione delle priorità tecniche di intervento per il centro storico del capoluogo e delle frazioni;
  6. Autorizzazione da parte del comune dell’Aquila alla presentazione del progetto parte seconda in base alla disponibilità economica, alle priorità di intervento e alla cantierizzazione;
  7. Presentazione del progetto parte seconda (entro 90 giorni, come da Determinazione n°244 del 28/07/2015) dalla autorizzazione del comune;
  8. Istruttoria del progetto parte seconda e rilascio del contributo a seguito della presentazione del progetto;
  9. Consegna ed inizio dei lavori a seguito del rilascio del contributo.

La scheda per la presentazione dei progetti di ricostruzione in formato editabile e compilabile via Internet, messa a punto nell’ambito del protocollo di progettazione per guidare i tecnici nella redazione delle proposte progettuali, unifica la tipologia e la quantità delle informazioni richieste.

 

  • Istruzioni